apro parentesi. osservo la gente. chiudo parentesi.

ebbene si; ogni tanto quando non ho proprio voglia di tornare a casa, mi fermo in qualche caffè o bar per scrivere o cazzeggiare online. mi piace tantissimo osservare la gente, il loro modo di fare, come si muovono, le azioni che compiono, come sono vestite, come camminano, quello che dicono e come reagiscono in determinate situazioni. per me sta tutto nella creatività; usando i momenti di osservazione, cercando d’indovinare la storia di una persona senza sapere nulla di lei e godendosi il divertimento di quella che, a ben vedere é una novella scienza sociale.

esempi? ne ho a bizzeffe… eccone alcuni:

la coppietta al quanto strana.
lì seduti ad un tavolino del bar. lui ha dei tratti somatici asiatici mentre lei sembra abbastanza di questa zona. stanno parlando. vabbé; diciamo che lui sta parlando il più del tempo… e in modo abbastanza autocelebrativo. non sento quali perle di saggezza stia elargendo, ma lui sembra molto preso dalle sue parole e di tanto in tanto le tiene la mano, forse per sentirle furtivamente il polso, visto che secondo me, lei non é proprio presissima da quello che le sta animatamente descrivendo, e quindi c’é un alto rischio che la malcapitata abbia un attacco di narcolessia! lui, é evidentemente un „maitre à penser“, si ma con la faccia da beota nato. di quello insomma che vuole piacé… col tatuaggio tribale sul braccio e maglietta fina, tanto stretta al punto che… non ci si deve immaginare nulla, perché da sotto si intravede un’azzeccatissima maglietta della salute. molto ma molto „chic“ come ogni contabile della mala che si rispetti! lei é scoglionatissima. secondo me sta pensando a quella dannata colite che non se ne vuole andare, il colon irritabile e la pancia gonfia. e lui continua. lei prova ad accendere una sigaretta, vedi mai che é un salutista incallito (anche se un po’ di pancetta traspare) e disgustato dal tabacco prenda il largo! ma niente, é un brucaliffo anche lui! ääääääähhh… cosa deve fare una donna per scollarsi di dosso un essere rivoltante che ogni tre per quattro caccia la lingua come una lucertola (in effetti ha delle sembianze morfologiche simili) e che cerca sempre di incollarti un bacio… ah, se ne vanno… mannaggia, mi sarebbe piaciuto sapere come andava a finire la telenovela.

… e se ne va anche quello che si é appena bevuto 3 litri di birra.
da come cammina non deve essere la prima oggi. secondo il motto „barcollo ma non mollo“ lui si fa strada verso casa. sempre se riesce a trovarla. casa sua. ouuufffff… ha lasciato alla barista più di 6 franchi di mancia! 🙂 una spina abbastanza salata!

e poi c’é lei: l’immancabile business woman.
na scheggia impazzita. secondo me la sua giornata é cominciata male, poverina, non avendo tempo per la messa in piega, ha asciugato i capelli con l’aeresol e ora ha un acconciatura „crespo-nuvola“. é tutta presa dai suoi appunti e in mano ha mille cose. mentre parla al telefono con new york e chiude un affare via e-mail con tokyo, chiede alla barista un panino caldo. ma quando questa glielo porta non é caldo abbastanza. con dei modini abbastanza affabili (tipo scaricatore di porto, con sintomi premestruali) le chiede di fare il suo lavoro e di riscaldare bene la pietanza – „non sei manco capace di riscaldare il pane?“ quindi la giovane inesperta fa retromarcia e con l’arroganza unita alla sfacciattagine che „la donna di mondo“ le ha riservato, secondo me il panino glielo brucia e le porta le ceneri… col cianuro.

due amiche che parlano delle loro imminenti vacanze.
„si, io vado a bari!“, penso: possibile che due ragazze svizzere, che sono abituate a lloret de mar, mallorca e santorini vadano a passare le vacanze a BARI? premetto: sono pugliese, salentina, per essere precisi, e la mia terra é la più bella del mondo, ma m’insospettisco ancora di più quando euforicamente pensano alle escursioni che vorranno fare nella giungla… che sarà una vera e propria avventura… che non vedono l’ora di vedere tutti quei animali esotici… a bari? ma che miiiink… hanno esportato il toporagno d’acqua di sumatra e il vespirtilio del guatemala a bitonto? dopo 10 minuti in cui pensavo di essere completamente fuori di cotenna, una delle due dice: eh sii… abbiamo pensato allungo se optare per l’indonesia o la malesia, ma poi ci siamo decisi di esplorare baLi. bali… non bari! *facepalm*

basta. devo andare a casa. é giunta l’ora.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s