London… Love at second sight.

A lot of people keep asking me, why I love to be in London or even think about to move there. „What is actually the motivation you want to be part of that world?“

The first time I was strolling along Oxford and Carnaby street, I was quite shocked of this big and wild city and that horrendous fragrance of incense sticks in the air was suffocating me. Everything was so new, then, 10 years ago. I didn’t really like it. I was rather scared than amazed and the only thing I wanted, was actually to go back home. Instantly.  At that time I was attending english class in Brighton and I thought I would never ever come back in this strange country again, where people use to have carpet in their bathroom and they seriously eat bacon and beans for breakfast. I had a 4-weeks-stay. And the first two weeks were a big mess: I was always crying (like really every day), I didn’t like my host family, I was ill, my class mates were conceited and arrogant and I was so terribly homesick. I wanted to catch the first flight back and forget about this „hell“.

Then… One Sunday morning, I was lying awake in bed. Crying. Of course. And suddenly I stopped. ‚Silly girl‘, I thought. ‚You came to Brighton, because of the Pier, the beach and the sea.‘ Sea means „home“ to me, as my hometown in Italy is located directly by the Ionian sea. ‚So go. Go and have a look. Go to the beach and just relax.’ And I did it. As I arrived at the rocky beach of Brighton it was very early in the morning… And I didn’t had my first coffee yet, but even though, I tried to stay calm. I sat down on a big stone and I was thinking back to the words my beloved grandma once told me: „When you are lost and you don’t find peace in your mind and heart: go back to the roots. From where you come from.“ Sea. Home. A strong bound. And for the first time after two tremendous weeks I was inhaling and exhaling consciously. Deeply. In the blink of an eye everything changed. From losing ground to finding myself again.  All of sudden my heart was filled with joy and I felt blessed and as I have been born anew.

The following two weeks were like the two before never existed. A reverse situation: I was happy to be there and to learn a lot about a new culture I was repudiate once. With this new spirit of adventure I  took the next coach to the city I so disliked… Okay: next stop Victoria. London: here I am. Deep breathe. Open your eyes, girl. Diving again in this atmosphere was kinda strange. But at once. There. „What is this feeling, so sudden and new? My pulse is rushing, my head is reeling, my face is flushing… What is this feeling? Fervid as a flame… Does it have a name?” – Yes. LOVE, my dear Elphaba.

Definitely. I was in Love. Yeah… Laugh if you want, but I fell in love with a city.  And the best thing: It accepted me. MEEEE! Someone who always was more or less a discard. In „my world“ people used to dis and dismiss me out of hand because of my look. Because of my weight more precisely! I always thought, that the arrogance, anger and stupid ingratiating way people usually spoke to me was unacceptable. Here everyone was very nice and kind to me, and they seem not to be interested in how I look like. On the contrary. The city was literally embracing me.

I love the people and their way of thinking. The friendliness and helpfulness. Sometime I must have looked very confused, because a dear lady stopped and asked me: „Are you lost, honey?“  – Thanks to social medias and the openminded way of these people i made new friends who are living in the beautiful areas of Notting Hill or Southwark.

I love London, because it celebrates creativity.

I love the music, the endless creative opportunities. As a music and musical junkie, West End is of course one of my favorite destination (oh well… of course). The theater is the place where I feel awe and joy and whole again. And it doesn’t matter if it’s either a dramatic play or a comedy, I just enjoy every second to the fullest.

I love the differentnesses; as a cosmopolitan I love the multitude of communities, the eclectic mix of everything. Multicultural societies who are living peaceful together. A city of infinite possibilities, who simply welcome everyone and this emanate good vibes.

I love London because it holds something for everyone. And if Tate Modern doesn’t float your boat then it’s off with your head at the London Bridge and the Tower.

I love the Dickensian atmosphere in some hidden corners of the city. And I swear I saw Mary Poppins with her flying umbrella among the clouds one day! 😉

I love to promenade in those big and beautiful parks (who are super zen!) You feel as if you are really in the middle of the countryside. Pure nature. Walking along the Southbank is pretty special, too.

I love do shopping in Camden, Carnaby or on the very crowded Oxford street and visiting my friend, Mr Big Ben by sipping my tea.

I love having a coffee in Covent Garden and see if someone is catching a pygmalion like Eliza Doolittle did. LOL

I love its extremes: It is beautiful and rough, and very fast moving and slow, and frenetic and peaceful.

I would love be part of this pulsating city and give proof of my multilingual skills by finding a great job! I know I will never be bored because there’s a plenty of variety in just everything.

That is how London became my epicenter… My priceless treasure.

I love to say that London is my adopted home.

L’ombra dell’invidia

Giuro. Ho un paio di vagoni pieni di difetti: sono cocciuta, lunaticissima, imprevedibile, ribelle, avvolte eccentrica, ammetto di essere anche permalosa e forse una delle ultime sognatrici. Mi piace la solitudine, e penso di essere abbastanza instabile e possessiva. Si, sono una testa di minkia avvolte, ma lo ammetto. Per tutti questi miei difetti, ne manca uno (okay, diciamo che ne mancano parecchi, ma meglio fermarmi qui, ve lo assicuro) Comunque, dicevo: Ne manca uno in particolare. L’invidia. Ne sono priva. Inesistente nel mio DNA. E perdo il lume della ragione quando percepisco questo tipo di sentimento altamente nocivo e distruttivo. E se me lo sento addosso cerco proprio di liberarmene con qualche rito apotropaico.

Secondo il mio umile parere, il paragonarsi fa parte di questo antipatico sentimento, e se ci si pensa bene è un atteggiamento da pirla: ognuno di noi é un „esemplare unico“. Non appena afferri questo ragionamento abbastanza lapalissiano, l’invidia scompare. Nessuno è o é stato uguale a te, e nessuno lo sarà mai. E sinceramente non c’é alcun bisogno di essere uguale a qualcun altro. Dov’é la soddisfazione nell’essere una riproduzione? Pecco di superbia se dico che io invece ci tengo ad essere solo e sempre un originale? Creare cose nuove, inedite. Nel limite delle mie capacità… Ma pur sempre mie. Sono un anticonformista con uno spiccato senso per la giustizia ed é per questo che mi fa imbestialire a livelli siderali il fatto che ci sono delle persone che imitano spudoratamente (in modo abbastanza maldestra) tutto ciò che si ritrovano sotto il naso e poi lo fanno passare per farina del loro sacco.

Personalmente non penso di essere specialissima, ma ho la fortuna di avere parecchie persone straordinarie intorno a me, che eccellano nell’avere una pazienza abissale con questo concentrato di difetti della sottoscritta. Semplicemente perché sono persone che mi vogliono bene e che per questo sono schiette con me. La sincerità può risultare sgradevole. Ma, nelle migliori delle ipotesi mi fanno notare delle capacità che ignoravo, mi appoggiano, fanno il tifo per me e il solo pensiero ad un mio probabile successo, li fa andare in visibilio. E poi, purtroppo ci sono loro: quelli che infieriscono perché logorati dall’invidia… Consiglio spassionato: fatevi na vita.

In ufficio… Capitolo primo.

Si. É sempre la stessa storia, un must in ogni ufficio: La rompicoglioni di turno. Ho la grande fortuna di averla proprio di fronte. A pochi metri di distanza (di sicurezza).

Lei: “Quando parli al telefono tendi a gridare… M’intontisci. Perché non ti giri verso la finestra?”

Io: Sorrido. Lascio perdere. Ma nei meandri della mia mente (da anni ormai scaduta) penso: “Invece tu, tu non devi nemmeno parlare per arrecarmi fastidio… Mi secchi così a prescindere. Perché tu la finestra invece non la apri e fai un bel tuffo a pesce? Oppure lasciala pure chiusa e dacci qualche allegra capocciata. Peccato per il vetro…”

“Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi.”

– Forte dubbi anche da parte mia, caro Albert. E quel ché peggio è che ogni giorno questa stupidità viene esibita davanti ai miei occhi con tale spudoratezza che per il mio intestino sensibile è nella top five dei motivi che mi provocano il vomito e la dissenteria in stereo. Con crampi e gonfiori di pancia annessi, of course, che ti lasciano sulla tazza con la testa china sul lavandino per ore… Mentre per questa gente è proprio il contrario. Soffrono di stipsi. Al cervello. Roba che per colpa di questa neuro-congestione diventano paonazzi e rischiano di soccombere ad una tragica implosione. Che in questo modo i neuroni possano tornare al posto giusto e le loro menti cafone riorganizzarsi ed evolversi? Premessa:

Sono sempre stata una ragazzona, una pienotta insomma. Pingue. Una di quelle che al mare stanno con l’accappatoio o avvolta nell’asciugamano quando stanno in spiaggia o, in sordina, spariscono in acqua. Il tutto pur di non dare tantissimo all’occhio, anche se visto la stazza non é proprio facile passare inosservati. No, non ho mai provocato un alta marea, ma di battute del cocchio di questo tipo ne ho sentite a bizzeffe. Sono stata anche più di pienotta. Credo si chiami „obesità“. Quella seria, con la quale ti puoi giocare la ghirba. Problemi di adiposi ne ho sempre avuti, penso proprio sin dal concepimento o se possibile anche prima.

In 31 anni di vita me ne hanno detto di tutte, di più e oltre… Se incominciassi ad elencarli tutti farei un baffo a Tolkien con il suo romanzo chilometrico sulla terra di mezzo, nani, anelli e compagnia bella. Quindi mi limiterò a due situazioni (per il momento; ma penso che si sia notato il fatto che sono soffro in modo sproporzionato di logorrea acuta… Questo farà si, che ritornerò su questo argomento anche in futuro):

Olten. Svizzera. 5 del pomeriggio. Afa. Ammetto che é da tanto ormai che mi sento insultare causa la mia ciccia. Ma in tutto questo tempo, non dico “evolversi”, perché per questa razza buzzurra di cercopitecho fesso é impossibile pensarlo, ma un minimo di creatività me la sarei aspettata. Che delusione. Comunque… Esco dal chiosco con un gelato in mano (fanculo la dieta) e questi quattro esemplari stavano li. Mi guardano. Si guardano tra di loro. Poi il capobranco si appresta a partorire il suo pensiero (pensiero… mah…) „Heeey… trippona! I gelati fanno ingrassare!“, io penso subito che é proprio carino a preoccuparsi della mia salute, ma le risatine meschine da parte dei suoi compagni di pulci mi hanno fatto pensare che forse si trattava di un insulto bello e buono! Quindi mi sono semplicemente girata, ho dato un occhiata alla miseria di “uomini” che mi si presentava li davanti e lentamente in modo che potessero captare appieno le mie parole ho risposto: „Bravo. Ma sei un genio. Si, il gelato fa ingrassare. ma vuoi mettere una bella panza piena e felice a quella testa di cazzo che porti in giro assolutamente priva di materia grigia come la tua?!“, non penso che abbia capito. Aveva lo smarrimento negli occhi. Dopodomani quando le sue sinapsi avranno fatto il proprio lavoro (scommetto che nel tempo libero queste non facciano i velocisti) capirà. E quando avrà capito s’incacchierà taaaanto…

Berna. Svizzera. 6:30 del mattino. Buondí. Buongiorno a tutti, buongiorno Mondo, buongiorno sole (sole… cosí si fa x dire) Comunque: ah, sia ringraziato il cielo mi sveglio e sono sana! Con questa positivà donatami da chi sa chi, esco di casa e mi avvio verso la stazione. Fuori non é freddissimo, anzi. In mano ho la mia borsa e una piccola busta del „Chicorée”… No, non una busta de cicorie da fare con le patate, ma una busta della nota catena svizzera di negozi d’abbigliamento. Ebbene. Io mi sto facendo beatamente i cavoli miei (tanto x rimanere nell’argomento verdurolo che sicuramente avranno le loro proprietà benefiche ma secondo me: vomitevoli). Mi viene incontro una ragazza con una borsa da urlo, vestita bene e truccata anche meglio. Evidentemente ho a che fare con una fashion blogger… Ammirando il suo portamento armonioso, accenno un sorriso come a dirle “complimentoni, alla grande” lei non solo non ricambia il saluto ma mi fredda vessandomi con una frase tipo (si, tipo stronza): „Haha… vai in giro con quella busta. Ma cosa vuoi comprare tu in quel negozio?”, con un orribile protervia… (x tutti quelli che sono all’oscuro di questa notizia di prestante attualità: il negozio in questione vende vestiti che vanno dalla XXXXXS al massimo la S, tipo che se cerchi una L ti segnalano a greenpeace come cetaceo in via d’estinzione) Insomma, la tipa con un fare abbastanza seccante e molto infastidita dal mio essere, si allontana. Ora. Si, mi si era bloccata la crescita per qualche secondo MA la malcapitata non sa che dopo la concitazione con una battuta del genere m’invita a nozze: „Scusa… E il negozio dove ti rifornivi di pezzi di ricambio per quel cervello a buon mercato che ti ritrovi quand’é che é stato chiuso? Aripijate…”

¡Vamos a bailar! – Ehhhm… Nööö!

Ig liebe Musik. Ig liebes z singe. Es glingt mer mängisch sogar 3 oder 4 Takte so fehlerfrei z singe und drbi aui Note z breiche… Aber tanze? No way! Nid tanzfähig. Intoler(t)anz pur! E nöii unerforschti Pathologie! I gheie vom Stoh eifach so uf d Schnuure geschweige de sich drbi no z bewege. Ig wirde nie Friede schliesse mit dere Kunst.

Doch einisch han igs versuecht… D „Ehr“ het en Kubaner gha. Jap. Die wo dr Rhythmus eifach nur im Bluet hei. Ohni dass sie öppis dafür mache. Und ig so ebe grad gar nid. Nix. Nada. Fiasko vorprogrammiert. Super Usgangssituation. Macht mi gar nid närvös.

Ig ha mit ere Kollegin tänzelt (Pfff… „Tanze“ es zu grosses Wort für mi. Ig cha das nid, ig bi do eher dr „An-Der-Bahn-Ahnlenen-und-ganz-unauffällig-wippen-Typ“).

Näb üs tanzet ebe ÄR, d „Quintessenz des südamerikanischen Temperaments“. Är het s Gfüehl gha, är sig elei uf dr Tanzflächi, so vüu Platz het är für sich beansprucht.

Okay… Ha ke Bewegungsdrang meh, wott ihm jo dr Platz nid stähle und versueche so unauffällig wie möglech mi z verzieh. Jämmerliche Versuech. Är merkts und chunnt mer noche. Wie ig heisse frogt er mit „liechtem“ spanische Akzänt…

„Antonella…“ sec. Gib’s zue, au chlei unsympathisch.

„Que? Antoñietta?“

„Si…“, säg ig, är ghört mi eh nid wenn ig ne würd druf hiwiise, dass ig s Copyright uf mi Name ha und är mi mit em richtig Name seu aspräche.

„Daine naaamme ist muy bonito…“

… Jo, ha en schöne Name, ig weiss, aber du hesch eh s Gfüehl i heisse angersch! Är erwartet dass au ig ihn froge… Okay… *augenroll*

„Wie heissisch?“, frog ig mit liechtem gnärvtem Ungerton. Är merkts nid natürli, är isch so im Züg und trotzdäm, dass är stoht, tanze sini Füess wiiter und drum und darf är sech erlaube sämtliche Ungertön eifach wägzdänke! hihii…

„ALBERTO!“, oh, nice to meet you! 🙂 Aber nei, wett lieber nid tanze. Gsehsch nid dass ig mit mine 2 linggi Pföste ke Chance ha?! Är sich aber sehr hartnäckig. Jo, auso mache mer die 2 Gümp! Är flatteret links und rächts vo mir und ig stoupere natürli wie en tollpatschige Husky-Wäupe über min eiget Schatte und weiss nümme wo obe und wo unge isch… Är versuecht mir die erste Schritte biizbringe, aber natürli weiss är nid dass ig für sini Füehr-Awiisige überhaupt nid empfänglich bi, eifach würkli Null, cariño!

Nach 3 ändlosi Minute (aber gfüehlti 67 Stunde) git är uf und frogt mi warum ig nid mag tanze… Hhhhmmmm… Wieso ächt? Du hesch scho verstande dass ig es liechts Koordinationsproblem ha und mini Motorik überhaupt nid aspringt?! Probiere mini karge, spanische Grundkenntnisse im Chliihirni z versammle und stottere es:

„No quiero bailar…“, und bi liecht chorophobisch, drum: Gibs uf.

Ig probiere mi eifach charmant z verabschiede und är so:

„Ma, Philosophie vom Lebe ischt: MUSICA, GUTE ESSE Y MUJERES! Du bist eine mujer (Frau), du guggst sehr gesund aus (so vüu zum Thema „Gute Esse“) also du musst auch bailar!“

Danke, daaaanke für die tolle Wort, die hei sech i minere Seel ibrönnt und ig wirde mi ab sofort a dere Läbenswiisheit haute. Danke, dass du mi wäg däwa erlüchtet hesch! Was bin ig doch für en Glückspilz drbi chönne z sii wenn sörigi Wiisheitsperle hemmigslos verschenkt wärde.

„Okay… MUSICA! Drmit bin ig sogar iverstande. Chum s nöchst mau mache mer ir Karaokebar ab, ¡Vale!? :)“

#throwbackthursday: Edimburgo – “L’Atene del nord”

Beh, su ogni buon social/blog che si rispetti si usa il „tbt“, l’acronimo che indica il „throwback thursday“, cioè una sorta di „giovedì dei ricordi“. Questo tag viene usato solo il giovedì e viene abbinato alla condivisione di fotografie vecchie anche di anni. Non so benissimamente perché sia un „giovedì“ dei ricordi e non un venerdì o perché non si sia scelto il martedì… Approfondirò il discorso e magari troverò una risposta valida sul web. Vi terrò informati.

Comunque… Anche se il tag viene usato solitamente per le foto, io me ne frego allegramente e lo userò anche per i ricordi o qualche pensiero che ho scarabocchiato su qualche tovagliolo o post-it.

Ed eccolo il mio #tbt di oggi; ero in viaggio in Scozia. Edimburgo. Sola. Avevo tempo per descrivere ogni singola minchiata che sfiorava l’anticamera del mio cervello:

Giovedì. Here I am.
Visiting: Edinburgh castle / Sightseeing bus / Holyrood House / Calton Hill
3pm: Ma quant’é bella questa città. Si respira d’appertutto un non-so-che di storia misto scuro-mistero-di-una-civiltà-ormai-morta-e-sepolta, ma che sicuramente ha lasciato la propria testimonianza. Ha origine celtiche e si vede e si sente sopratutto, visto che l’accento lascia intuire che l’inglese vero e proprio, quello che profuma di teatime-afternoon-at-5 non é proprio di casa.
C’é la „new town“ e la „old town“. La „new town“ tuttavia non é stata nominata così, perché é „new“, ma semplicemente perché é „newer“ dell’altra parte della città che a rigor di logica é „older“… E un mio umile pensiero é stato che chiamare le due parti della città „old“ and „even more older“ town, avrebbe sicuramente smarrito parecchie povere menti, tra le quali quella della sottoscritta.
5pm: Essere chiamata „honey“ dal venditore di cartoline (che é molto avanti… eh si: il cartolinaio di mondo, vende anche preservativi, biscottini per il tee e t-shirt di Nessie) non mi fa più nessun effetto; sono fatti così gli inglesi: affabili! Nonostante gli ingiusti pregiudizi che non gli rendono per niente giustizia… Fidatevi.

Venerdì. The Highlands.
Visiting: Regione montuosa e i suoi castelli antichi ed evanescenti
3pm: Beh, potevo anche beccare qualcuno di più attraente o almeno poco poco papabile… No, non parlo in primo luogo della guida (anche se male non faceva), parlo della gente. Gruppetto strano: qualche famiglia, gente sola (io), amici… Ci siamo fermati ad Inveraray. Un posto sperduto nelle ande scozzesi. Età media: 87 e tre quarti. Bello, eh… Mi ricorda tanto Cabot Cove, dove vive la mia eroina, the one and only Jessica B. Fletcher, la signora in giallo. Si, insomma quella che porta anche un po’ di iella, perché dove spunta lei, ci scappa il morto. Il ristorante dove sto bevendo un latte macchiato che si presenta poco macchiato e tanto innacquato, quasi come le strade fuori, é molto carino. E vecchissimo secondo me, con le sedie una diversa dall’altra, ma ballano tutte ed avevo un brutto presentimento ad adagiarci il mio abbondante deretano.
7pm: Stremata. Sicuramente non come l’esercito britannico che provava ad invadere la scozia, ma sicuramente alla fine delle mie limitatissime forze (sarei stata un miserabile militare, sono sicura che non mi avrebbero mai affidato manco un coltellino svizzero, al massimo la bandiera bianca per sventolarla a più non posso). Più che altro una giornata grigia, ma proprio nell’anima. Sarà che ho dormito male (cazzo di bigodini) o che penso troppo come sempre. Il vuoto, la solitudine… Fanno brutti scherzi e azionano il cervello marcio che mi ritrovo. Lo fanno girare a vuoto. Non solo Guglielmo d’Orange era paranoico. Anche io! Ho sentito così tante storie oggi che mi sono assopita serenamente cullata dalle avvincenti storie raccontate dal nostro Alan (la guida occhialuta) con la sua voce all’aroma di sonnifero.

Sabato. Cercasi ispirazione letteraria.
Visiting: The Elephant House / St. Giles / Bobby Greyfairs / Grassmarket (Shopping incluso)
9am: Beh, a dir poco strano che mi ritrovo a scrivere il mio (a dir poco insignificante) diario di bordo dove qualche anno fa era seduta J.K. Rowling che stava creando Harry. Ma s’incomincia così, no?! Basta crederci. Il posto é carino, molto tranquillo, nonostante si trovi sulla sommità di „Grassmarket“, che é più, diciamo CHIASSOSA. Dai Joanne, fammi da madrina, da portafortuna, da musa inspiratrice! Magari riuscirò a creare un manoscritto carino che possa magicamente far apparire un sorriso a qualcuno o a strappare qualche lacrimuccia per l’emozione.

Domenica. E Lochness sia!
Visiting: Lago di Lochness (mostro incluso, ma molto timido)
7am: Forse sono le ore in macchina che dovrò farmi o forse é l’unghia che misi é rotta ieri (ri)facendo quel dannato letto che si scopre sempre delle proprie lenzuola. Forse é il fatto che sarò sola al cospetto di Nessie e del suo Loch!

Lunedì. Okay, 8 giorni sono troppi per una città. E per stare sola.
Visiting: Princes Park / Britannia / North Bridge Walk / Scott Monument / Royal Mile
noon (ora precisa non pervenuta). Diciamo che la „Britannia“, il panfilo della Famiglia Reale Britannica un pò mi ha deluso, però é imponente… E ora penso che mi dedicherò allo XXL-shopping. Cioè, estesissimo. Lo deve essere visto che ho ancora 3 giorni e non so come ammazzarlo questo tempo. Fammi vedere se trovo ancora qualche museo fico… mumble. mumble. mumble… Oooooookay, rimandiamo lo shopping. Ho trovato qualcosa che ha certamente catturato il mio interesse e fra un po’ andrò alla volta della Royal Mile. Ma… Beh, sto ancora provando a mangiare un panino da 40 minuti, ma niente. Che strana la vita; c’erano anni in cui non volevo altro che dimagrire, magari a vista d’occhio, magari diventare una di quelle fighe sulle riviste tanto ambite da noi ragazze. Non andavo bene per il mondo e io non ci volevo stare su questo mondo che mi andava stretto e che non voleva assolutamente accettarmi. Ora invece non vorrei altro che finire un pasto decentemente, cioè, senza vomitare, riflussi vari o spasmi! Ma che mondo al contrario é?! Che grandissima amenità! Fammi muovere dai. Altrimenti rischio di cadere in paranoia. A piangere e disperarmi davanti alla popolazione scozzese, che non me ne fregherebbe anche niente, ma sono solo leggermente irritata da sto gruppetto di connazionali che guardano me come se fossi la donna cannone! SI, SONO FUORI PORTATA DEI VOSTRI STRAMALEDETTI CANONI! Beh, ma che ti guardi? E se gli do un sorriso tipo: „Hahahahaha… Ma cosa ti guardi cosa che hai la moglie addobbata come il peggior albero di natale a Central Park e tu invece? Simpaticissimo come la sabbia tra le natiche e con il riporto del menga!?“ Ancora…? Fammene andà!

Martedì. Pioggia. Freddo. Troppo.
Visiting: The true Mary King / John Knox House / Mitvlothian Heart / Conan Doyle Pub / National Gallery / Portrait Museum
10am: Altro che „cats  & dogs“… Qui ci sono 500 sfumature di grigio in cielo e non sembra volersi schiarire. Quindi invece che come nel film, assaporare un „Sunshine on Leith“, troverò le „Clouds over the museums“! 🙂 Sono qui vestita a 3 strati per non soffrire il freddo. Per carità, me la sono scelta io la meta, ed é anche vero che non mi sarei di certo divertita in una località balneare con la sola attività di stare li ad arrostire lo speck che mi ritrovo cucito addosso. Preferisco le bolle ai piedi dal lungo camminare e la frescuria che anche ci voleva dopo quell’orridissimo, torridissimo, schifosissimo caldissimo che mi ha fatto soffrire per settimane. Quindi mi sta anche bene. Diciamo anche che in costume da bagno, non é che faccio un figurone. Non posso sfoggiare il mio fisico da modella (beh, non ancora, diciamo che più che altro sarò una modella di taglie forti, non certo à la Claudia Sciffer, magari più una Claudia SCHIFFer) E quindi diciamo che é stata una scelta saggia, anche se accorcerei il tutto di uno o due giorni. Comunque c’é un freddo siberiano. Ho addosso una felpa che é così pesante che  avrei rischiato un insolazione se mi fossi trovata in Svizzera qualche settimana fa. Non ci si crede.

Mercoledì. Un porridge per cominciare.
Visiting: Dean Village / Museum of Modern Art / Leith / Tutti i negozi di Princes Street
9am: Porridge. Loooove it… Ma col mal di testa a gonfie e vele. Non riesco nemmeno a scrivere decentemente e mi sono scordata anche la penna. Ma per fortuna nelle mie borse ci si trova sempre qualche articolo da cancelleria! Oggi é l’ultima giornata intera che trascorrerò qui. Che strano. E dire che mi stavo pure abituando alla vita da turista. Però mi fa bene tornare a casa. Ma sono fiera di me: sono riuscita a non pensare al lavoro, ho scritto, visto bei posti, ho fatto come mi pare e quando mi pare, lasciando spazio a volontà alla mia nota spontaneità. Ho anche imparato che riesco a stare sola per un periodo di tempo (nonostante le crisi), a fare le cose per bene, senza lasciarmi andare al solito „no, non lo faccio perché tanto che lo faccio a fare“ e non ho badato (quasi) a spese.
1pm: Ho appena visto una sposa. Che strano, anche qui si sposano. In bianco. E anche qui le spose „brillano“ nella loro giornata più bella. Non credo nelle frasi fatte o ai modi di dire, ma é proprio vero che le spose sono tutte belle e che hanno una speciale luce che sbrilluccica negli occhi. Chissà se anche io un giorno brillerò così. Spero proprio di sì. Spero proprio che sia stato di buon auspicio il sorriso che la sposina mi ha appena regalato.

Giovedì. Ciao e Goodbye.
Una settimana fa ho cominciato a scrivere qualche cavolata in questo „diario di bordo“. Questo per fare qualcosa e avere una valvola di sfogo mentre trascorrevo sola tutti questi giorni. Anche per non scocciare tutti i giorni le mie amiche e i miei amichi con i miei mille pensieri o congetture del cacchio!
11am: Sono seduta in uno Starbucks, che non é niente di speciale… Diciamo che non é proprio il posto più tranquillo o rusticale del mondo. Preferisco alla gran lunga „The Elephant house“ (qui ho fatto un profondo sospiro… mi piaceva troppo quel posto), ma mi mancava semplicemente la pazienza per arrivare dall’altra parte della città con tutto sto bagaglio per fare una fila chilometrica e poi fare la lotta libera per accaparrarsi un tavolo. E poi qui sono attrezzati: c’é il wifi e la corrente. E il mio cellulare é sempre tanto assetato. Quindi la Rowling mi perdonerà se non sono più passata per il caffè, o il the in questo caso! 🙂 Ma ora penso di muovermi. Devo fare definitivamente qualche cosa, sennò mi va in catalessi la faccia e il cervello in pappa. Faccio un giro con il tram… Io adoro quel tram, non si sente per niente,  quando sei seduta dentro sembra che tu stia fluttuando e il paesaggio scorre lentamente davanti ai tuoi occhi (ecco un’altro sospiro profondissimo…)
3pm: Scalo ad Amsterdam. Che dire? Sorvoliamo. Magari mi sarei potuta evitare sta fermata forzata. Una noia totale e tutti parlano con questo accento impossibile che ben conosco (purtroppo, aggiungerei). Cioè, non me ne vogliano gli olandesi, ma non é proprio una musica che suona soave nel padiglione auricolare. E che proprio non me lo immagino Shakespeare declamare sonetti con l’accento di Van Gogh. Ecco perché si é dato alla pittura, il povero Vincent.
8pm: Il mio letto. Eccolo. Dolce, caro lettino mio. Quanto mi sei mancato. Dopo aver dormito (beh, si fa per dire) una settimana su un sedicente letto, riuscirò di nuovo a riposare. Ahhhh…